Dove vuoi condividere?
 

FONDAZIONE
BIRRA MORETTI

Abbinamenti

FONDAZIONE
BIRRA MORETTI

Abbinamenti

La birra è una bevanda che possiede le sensazioni gustative fondamentali: acido, dolce, amaro e salato.
Se desideriamo che una birra e un cibo, accostati a tavola, esprimano il meglio di sé non devono sovrastarsi. Anzi, le caratteristiche organolettiche dell’uno devono esaltare le caratteristiche organolettiche dell’altro.

L’abbinamento tra birra e cibo avviene per la maggior parte per affinità.
Se in un piatto c’è un gusto prevalente, a seconda del gusto, si abbina per analogia o per contrasto.
Per quanto riguarda la birra, il suo corpo deve essere in armonia con la struttura della pietanza e la sua sensazione amara non deve mai sovrastare il cibo. L’amaro di alcune birre, per esempio, non dovrebbe essere abbinato a cibi delicati (pesce magro) ma a piatti con una modesta presenza di amaro. L’acidità (esaltata dalla freschezza della birra) e la frizzantezza hanno un’azione sgrassante che coadiuva l’azione della saliva.

L’azione solvente dell’alcol della birra rende meno grave la sensazione di pesantezza presente in cibi eccessivamente grassi. Pertanto a piatti strutturati e succulenti è opportuno accostare birre dotate di un buon corpo, discreta gradazione alcolica, intensità di profumi e sapori; mentre con piatti leggeri saranno abbinate birre più delicate e poco alcoliche. L’ideale è raggiungere un equilibrio gradevole che risulti invitante al palato e faccia proseguire con gusto il pranzo o la cena.

Birra e pizza: Made in Italy

Dagli anni ‘50, il connubio birra e pizza conquista tutti gli italiani. La regola del corretto abbinamento birra – pizza è scegliere la birra in base al gusto prevalente della pizza, per esempio:

  • per pizze con ingredienti leggeri e delicati abbinare una Lager;
  • per pizze tradizionali con più ingredienti (es. prosciutto e funghi) abbinare la doppio malto o una Bock;
  • per pizze condite con ingredienti più rustici e importanti (come gorgonzola e speck) abbinare le Ale.

L’abbinamento corretto con i salumi parte dalla classificazione di questi come:

  • salumi magri (con contenuto di lipidi fino al 15%): bresaole, insaccati di carni bianche, prosciutti di selvaggina, prosciutto crudo magro ecc. si accosta con una birra amara;
  • salumi semigrassi (dal 15 al 45% di lipidi): salami, salamelle, coppa, mortadella, pancetta magra, prosciutto crudo, ecc. abbinare con birre speciali dal medio corpo, poco amare;
  • salumi grassi (oltre il 45% di lipidi): lardo, salsiccia, cotechino ecc. un accostamento acido per contrastare l’unto.

Birra e formaggi: un abbinamento raffinato

Per determinare il corpo della birra in abbinamento al giusto formaggio, è indispensabile conoscere l’indice di grasso del formaggio stesso e il grado di stagionatura, senza trascurare il livello di umidità (un formaggio a pasta molle ha infatti più del 40% di umidità, mentre a pasta dura meno della stessa percentuale). Di norma, si accompagna il formaggio con una birra dalla struttura simile, definendo un equilibrio strutturale.

Riassumendo:

  • formaggi più magri e leggeri accompagnati con birre che non sovrastino la loro delicatezza, come Lager chiare, con poco corpo e leggere;
  • formaggi a pasta molle e crosta lavata, come il Taleggio, né troppo salati né troppo stagionati, abbinati a una birra di media struttura mediamente importante, come una Bock o una doppio malto di bassa fermentazione (6,5°);
  • formaggi duri, strutturati e stagionati, come un Parmigiano o un Padano, con birre più importanti, come una doppio malto chiara (7,5°);
  • formaggi erborinati tipo Gorgonzola dolce o stagionato, dall’aroma intenso e pungente, abbinati rispettivamente un’Abbazia belga bruna o una birra Trappista;
  • formaggi affumicati con Rauch Bier.

Non è da trascurare l’abbinamento con il pane: se poco salato, smorza difatti i sapori più forti.

La sequenza classica del menù

Esiste una corretta sequenza di servizio della birra a tavola:

  • fermentazione: per prime vengono servite le birre di bassa fermentazione, poi quelle di alta ed infine quelle di fermentazione spontanea;
  • corpo: dalla meno alcolica alla più alcolica o, meglio, dalla meno strutturata alla più strutturata;
  • colore: prima le chiare, poi le ambrate e per finire le scure;
  • amaro: dalle meno luppolate (meno amare), alle più luppolate (più amare).

 

Partecipa

Diventa

amico della birra

Questo sito utilizza solo cookies tecnici. Se vuoi saperne di più clicca qui

COSA SONO I COOKIES (e tecnologie similari)

I cookies sono piccoli files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale – computer, laptop, tablet, smartphone, etc. – dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente.

Navigando su questo sito, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito e gestiti dalla nostra società.

A – Cookies gestiti dalla nostra società

Tutti i cookies descritti in questa sezione vengono inviati direttamente da questo sito e gestiti dalla nostra società, Heineken Italia S.p.A. società unipersonale, direzione e coordinamento di Heineken N.V. ai sensi dell’articolo 2497-bis c.c., con sede legale in Pollein (AO), località Autoporto n. 11 e sede amministrativa in Sesto San Giovanni (MI), Viale Edison n. 110, capitale sociale pari a Euro 47.320.000,00 i.v., codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Aosta 00869580159, partita IVA 00610140071, titolare del trattamento. Responsabile del trattamento è il Direttore Risorse Umane, dott. Mario Perego, e-mail privacy@heinekenitalia.it.

Essi vengono utilizzati con strumenti elettronici per le finalità indicate in relazione a ciascuno di essi.

I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati.

Il trattamento avviene nel rispetto dei seguenti principi:

In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente potrà esercitare i diritti riconosciuti dall’art. 7 del Codice Privacy e potrà ottenere previa richiesta inviata all’indirizzo email privacy@heinekenitalia.it, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché:

Cookies tecnici

Questi cookies sono volti a mantenere adeguato il funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono gestiti dalla nostra società.

Si suddividono in:

  1. cookies di navigazione o di sessione: sono volti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito, utilizzando differenti opzioni o servizi. Questi cookies permettono, ad esempio, di memorizzare gli elementi che caratterizzano una determinata richiesta, realizzare un acquisto, sottoscrivere la partecipazione ad un evento;

  2. cookies analytics: sono cookies che raccolgono informazioni sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito, ad esempio informazioni su quali pagine o sezioni di pagine vengono maggiormente visualizzate e da quali pagine si ricevono segnalazioni di malfunzionamenti. Le informazioni vengono raccolte in forma aggregata e anonima;

  3. cookies di funzionalità: sono cookies che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (come ad esempio lingua, caratteri di testo, tipo di browser) al fine di migliorare il servizio reso.

Tutti questi cookies sono abilitati automaticamente.

B – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser

Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie.

Se invece conosci il tuo browser clicca su quello che stai utilizzando per accedere alla pagina di gestione dei cookies.

Internet Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Chiudi