Dove vuoi condividere?
 

FONDAZIONE
BIRRA MORETTI

Giuseppe Vaccarini: “La birra sta entrando nelle nostre abitudini a tavola”

FONDAZIONE
BIRRA MORETTI

Giuseppe Vaccarini: “La birra sta entrando nelle nostre abitudini a tavola”

INDIETRO

18 dicembre 2019

Vincitore del Concorso Miglior Sommelier del Mondo 1978 A.S.I. (Association de la Sommellerie Internationale), da più di trent’anni Giuseppe Vaccarini insegna come apprezzare e degustare il vino e altre bevande, tra cui la birra, a professionisti ed appassionati in diversi Paesi del mondo.

Giuseppe Vaccarini è stato Presidente dell’A.S.I. dal 1996 al 2004. Nel giugno 2007 ha fondato l’ASPI, Associazione della Sommellerie Professionale Italiana, unica associazione del nostro Paese membro di A.S.I. per l’Italia. E nel 2015 ha pubblicato Il Manuale della Birra. Storia, produzione, servizio, degustazione e abbinamento, divenuto subito il testo di riferimento per gli amanti, sempre più numerosi, della birra in Italia. Il libro è alla quarta ristampa e, racconta il Presidente ASPI, “continuano ad arrivarmi richieste di presentarlo in tutta Italia”.

Perché ha deciso di scrivere un Manuale della birra? E qual era allora la cultura della birra in Italia? 

Avevo scritto altri libri dedicati all’abbinamento tra i cibi e altre bevande, e Gualtiero Marchesi, del quale ho diretto il ristorante per sei anni, diceva che una bevanda diventa importante dal momento in cui viene servita a tavola in un ristorante. Pensavo che la birra fosse a tutti gli effetti una bevanda importante, e da allora iniziai a proporla ai clienti del ristorante. Storicamente la cultura della birra in Italia è stata alquanto scarsa, ma nel 2015 cominciavano a vedersi i segnali di una positiva inversione di tendenza. Il successo del Manuale è una piccola testimonianza di come la birra stia sempre più entrando nella cultura degli italiani a tavola.

Perché sta accadendo? E di chi è, secondo la sua esperienza, il merito maggiore?

In generale, la gente vuol sapere molto di più su tutto ciò che riguarda la gastronomia e le bevande. In questo interesse si inserisce perfettamente quello per la birra, per il modo in cui servirla, degustarla e abbinarla ai cibi. L’attenzione, la curiosità, la passione per la birra stanno progredendo in maniera costante, e in questo processo tutti gli attori della filiera birraria -agricoltori, produttori, baristi, ristoratori, e anche i sommelier – devono fare la propria parte, perché in Italia la birra è consumata e servita a diversi livelli e in varie situazioni. La birra è un po’ dappertutto, e tutti contribuiscono al suo successo.

Quale dev’essere, in particolare, il ruolo del sommelier?

Nel proporre al cliente che cosa bere a pasto, il sommelier deve porgere una lista che comprenda tutte le bevande, inclusa la birra. Oggi i sommelier italiani sono consapevoli del fatto che la birra possa essere consumata sia per una buona degustazione sia in abbinamento con i cibi. Occorre lavorare perché questa consapevolezza si traduca sempre in una proposta efficace al cliente, ma è necessario sensibilizzare anche i ristoratori: rispetto al passato hanno compiuto notevoli passi in avanti nella cucina, ma sono ancora indietro per quanto concerne il servizio, la sala e le bevande.

Heineken Italia ha dato vita nel 2015 a Fondazione Birra Moretti che, fra le sue attività, assegna un Premio al miglior sommelier legato alla valorizzazione della Birra a Tavola. Come giudica questa iniziativa?

Sono convinto che una grande azienda produttrice di birra abbia gli strumenti migliori per comunicare la birra in modo corretto e capillare. Giudico perciò l’iniziativa di Fondazione Birra Moretti molto positivamente e il suo “Premio per la valorizzazione della Birra a Tavola” che viene conferito durante i concorso per il miglior sommelier d’Italia sia il modo giusto per valorizzare questa bevanda e per stimolare i giovani sommelier a diffondere la cultura della birra.

Partecipa

Diventa

amico della birra

Questo sito utilizza solo cookies tecnici. Se vuoi saperne di più clicca qui

COSA SONO I COOKIES (e tecnologie similari)

I cookies sono piccoli files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale – computer, laptop, tablet, smartphone, etc. – dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente.

Navigando su questo sito, potrai ricevere solo cookies inviati direttamente dal nostro sito e gestiti dalla nostra società.

A – Cookies gestiti dalla nostra società

Tutti i cookies descritti in questa sezione vengono inviati direttamente da questo sito e gestiti dalla nostra società, Heineken Italia S.p.A. società unipersonale, direzione e coordinamento di Heineken N.V. ai sensi dell’articolo 2497-bis c.c., con sede legale in Pollein (AO), località Autoporto n. 11 e sede amministrativa in Sesto San Giovanni (MI), Viale Edison n. 110, capitale sociale pari a Euro 47.320.000,00 i.v., codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Aosta 00869580159, partita IVA 00610140071, titolare del trattamento. Responsabile del trattamento è il Direttore Risorse Umane, dott. Mario Perego, e-mail privacy@heinekenitalia.it.

Essi vengono utilizzati con strumenti elettronici per le finalità indicate in relazione a ciascuno di essi.

I cookies tecnici vengono utilizzati senza necessità di consenso da parte dell’utente, ma possono essere disabilitati.

Il trattamento avviene nel rispetto dei seguenti principi:

In ogni momento, a norma del d. lgs. 196/03, l’utente potrà esercitare i diritti riconosciuti dall’art. 7 del Codice Privacy e potrà ottenere previa richiesta inviata all’indirizzo email privacy@heinekenitalia.it, la conferma dell’esistenza del trattamento dei dati in questione e delle finalità dello stesso, l’indicazione dell’origine dei dati, l’indicazione della logica applicata al trattamento, l’indicazione di tutti gli elementi sopra elencati, nonché:

Cookies tecnici

Questi cookies sono volti a mantenere adeguato il funzionamento della navigazione o ad incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono gestiti dalla nostra società.

Si suddividono in:

  1. cookies di navigazione o di sessione: sono volti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito, utilizzando differenti opzioni o servizi. Questi cookies permettono, ad esempio, di memorizzare gli elementi che caratterizzano una determinata richiesta, realizzare un acquisto, sottoscrivere la partecipazione ad un evento;

  2. cookies analytics: sono cookies che raccolgono informazioni sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito, ad esempio informazioni su quali pagine o sezioni di pagine vengono maggiormente visualizzate e da quali pagine si ricevono segnalazioni di malfunzionamenti. Le informazioni vengono raccolte in forma aggregata e anonima;

  3. cookies di funzionalità: sono cookies che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (come ad esempio lingua, caratteri di testo, tipo di browser) al fine di migliorare il servizio reso.

Tutti questi cookies sono abilitati automaticamente.

B – Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser

Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie.

Se invece conosci il tuo browser clicca su quello che stai utilizzando per accedere alla pagina di gestione dei cookies.

Internet Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Chiudi